padreinformazione

Le esperienze di un 'praticante' papà

Papà Zen

Racconta il saggio: un giorno il maestro sottopose a una prova due suoi discepoli. Portò loro un martello, un pezzo di legno, uno scalpello e una lima e disse: cari discepoli con questi oggetti che vi ho donato costruite la vostra felicità. I due rivolsero  al maestro uno sguardo perplesso, ma si misero subito al lavoro. Il primo dei discepoli guardava e riguardava con aria interrogativa quelle poche cose sul tavolo. Non sapeva cosa fare, le prendeva in mano, le rigirava, ma non riusciva ad arrivare a nulla. “Ciò che il maestro mi ha dato non è abbastanza nemmeno per costruire uno zoccolo, figuriamoci la felicità”, pensava. Il ragazzo così continuava a lamentarsi del poco che aveva e rivolgeva la sua attenzione alle cose che gli sarebbero servite davvero per completare la difficile missione.
L’altro discepolo intanto non fiatava. Nell’altra stanza lavorava alacremente, senza farsi scoraggiare. Ogni tanto si sentiva un piccolo urlo di dolore perché si era dato una martellata su un dito, ma questo non frenava la sua volontà.
Il giorno dopo il maestro tornò per verificare il lavoro dei due discepoli. Il primo aveva messo sul tavolo gli oggetti che il maestro gli aveva dato tali e quali. Non era riuscito a concludere nulla. Sul tavolo dell’altro, invece, era appoggiato un piccolo flauto intagliato nel legno.
Non era il migliore dei flauti, almeno da un punto di vista estetico, eppure produceva una musica melodiosa. Il maestro guardò il discepolo, gli mise una mano sulla spalla e sorrise. Il giovane aveva capito il senso dell’esercizio che gli era stato affidato. La morale: invece di lamentarci sempre per quello che non abbiamo, impariamo a costruirci la felicità con i pochi mezzi che ci sono stati messi a disposizione. Qualche volta ci taglieremo, o ci daremo una martellata sul dito, altre saremo tanto stanchi, ma se ci metteremo la giusta dedizione porteremo a termine il nostro piccolo progetto di felicità.

Così parlò Papà Zen

About these ads

Single Post Navigation

One thought on “Papà Zen

  1. Nico molina on said:

    Bel racconto Andrea, grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: