padreinformazione

Le esperienze di un 'praticante' papà

Baby manager e nonni superstar

“Non ti lamentare, se cominci ora che tuo figlio ha pochi mesi, cosa farai fra qualche anno? Guarda che con il passare del tempo aumentano le esigenze, gli impegni. Il mio ha un’agenda che nemmeno un manager”: questo il discorsetto illuminante di un amico con un figlio che va già alle scuole elementari. E io che guardavo come un miraggio il compimento del sesto anno d’età, l’addio dei pannolini prima e quel minimo di indipendenza che ti garantisce quel po’ di respiro quando torni a casa dopo dieci ore di lavoro e cerchi di guardare almeno i titoli del telegiornale delle 20. “Accontentati del televideo, oppure fai come faccio io – mi dice – quando il piccino va in branda mi diventi multitasking: Ipad, smartphone, pc, tv….il segreto è reggere fino alle undici….poi fai quello che vuoi”. Ecco, il segreto è reggere…insomma in poche parole crollare dopo i propri figli. Impresa attualmente non facile per me. Forse è per questo che tante famiglie organizzano per i propri figli estenuanti tour de force nel doposcuola: nuoto lunedì (perché è uno sport completo), calcio il martedì (perché se sei maschio e italiano devi avere un figlio che gioca a calcio…e certamente un giorno militerà in serie A e magari sposerà una velina), mercoledì musica (figliolo: un giorno suonare la chitarra in spiaggia ti sarà utile), giovedì un’arte marziale (perché serve a dare equilibrio), venerdì libero, ma anche no, perché c’è sempre qualche festicciola di compleanno di un compagno di classe. Tutto questo ovviamente si aggiunge ai compiti a casa perché i nostri baby manager sono in competizione praticamente da quando nascono. “Per forza arrivano stremati alla sera – osservi tu impressionato dal tuo amico che ti mostra sul telefono il promemoria digitale con le attività del figlio -. Ma scusa tu come fai con il tuo lavoro? Insomma non deve essere facile stare dietro a tutti questi impegni. Poi anche tua moglie lavora”. Il mio amico mi guarda, sorride beffardo, e mi fa: “Ma per questo ci sono i nonni. Guarda pensano a tutto loro:rimbalzano come palline da un posto all’altro. Non c’è niente di meglio: disponibilità totale e anche se qualche volta si lamentano sono contenti. Non mi dire che tu lo vuoi mandare al nido vostro figlio?”. Tu cerchi di spiegare che non te la senti di impegnare i tuoi genitori full time con un bambino piccolo, che hai piena fiducia in loro e nei tuoi suoceri, ma che pensi che crescere in un ambiente ‘sociale’ come un’asilo possa solo fare bene a tuo figlio. Del resto i nonni i loro figli li hanno già tirati su e ora si meritano di godersi i nipoti senza viverli come un lavoro. Poi certo quando avrai bisogno sai che potrai contare su di loro. Lui ti squadra come se tu fossi uno che sta vaneggiando e ti spiazza: “Ma guarda che la Repubblica Italiana è fondata sui nonni. Già avere un posto all’asilo pubblico è un po’come vincere la lotteria, ma poi gli asili sono chiusi il sabato, la domenica e per le festività…ne riparleremo amico mio…”. E’ evidente: non sono riuscito a convincerlo. Intanto incrocio le dita e spero di vincerla quella benedetta lotteria.

About these ads

Single Post Navigation

One thought on “Baby manager e nonni superstar

  1. Michele on said:

    Mandalo a pianoforte, che la chitarra in spiaggia non funziona.
    O meglio, funziona per tutti gli altri, ma poi dopo che tutti si sono appartati resti solo con un altro sfigato che ti chiede: ma la sai questa di Battisti? e quest’altra di Dalla?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: